Regione Piemonte, più che mai connessa con l’evoluzione tecnologica dei nostri tempi, apre a tutti con le nuove Linee Guida la piattaforma Smart Data Platform – Yucca, per la valorizzazione degli open data e non solo.



È un momento di passaggio e di opportunità, quello che stiamo vivendo nel mondo di ciò che una volta avremmo chiamato Informatica. “Tecnologia dell’Informazione” infatti oggi è un concetto nuovo, che porta in sé ambiti a prima vista distanti come tecnologia e relazioni sociali, dati e cultura, ma anche salute e sicurezza. Oggi tutto questo si fonde, per effetto della diffusione della connettività e delle opportunità di interagire, anche grazie ai device sempre più vicini a noi, che ci accompagnano e ci arricchiscono la vita con informazioni mirate e significative.

I benefici di questa evoluzione, attuali e potenziali, sono innumerevoli. Che si tratti di risolvere i piccoli problemi quotidiani o di affrontare sfide di competitività del mercato economico, la tecnologia ci viene incontro diventando più vicina e moltiplicano le potenzialità di qualunque iniziativa. In questo contesto Regione Piemonte intende giocare al fianco dei grandi protagonisti dell’era digitale con il ruolo proprio delle PA, cioè di contribuire allo sviluppo economico e sociale del territorio e di offrire servizi alla comunità, in linea con le missioni definite dalle Agende Digitali sia Italiana che europea.

Con D.G.R 18 – 5072 del 18 maggio scorso sono state approvate le linee guida per l’“Ecosistema regionale dei dati aperti”.  Questo importante strumento, redatto in linea alle indicazioni formalizzate dall’AgID attraverso analoghe linee guida nazionali (Linee Guida Nazionali per la valorizzazione del Patrimonio Informativo Pubblico” – Anno 2016) esprime la volontà di Regione Piemonte di farsi promotrice e di voler condividere, a livello di territorio piemontese, la politica di riuso dei documenti e dei dati non solo della Pubblica Amministrazione in senso stretto ma anche di tutti coloro che, persone fisiche e giuridiche, condividono la politica regionale in materia di open data.

Con questo atto Regione Piemonte mette a disposizione di tutti la piattaforma dati.piemonte.it come arricchita dall’integrazione con le funzionalità proprie della piattaforma Yucca e dei servizi ivi ospitati.

Rafforzando la collaborazione anche sotto il profilo tecnologico, Regione Piemonte ha, infatti, provveduto ad integrare, avvalendosi delle competenze tecnologiche del CSI Piemonte, la piattaforma preesistente dati.piemonte.it, con una piattaforma cloud abilitante e precompetitiva per la gestione degli Smart Data: Yucca‐Smart Data Platform. Quest’ultima, con un ruolo già attivo anche in contesti diversi dall’open, consente l’aggregazione e la gestione dei dati generati da sistemi produttori di dati del tipo Internet of Things (telecamere, sensori, centraline meteo) e/o dall'Internet of People (tweet e altri feed dal mondo dei social). Inoltre abilita lo sviluppo e l’erogazione di servizi legati allo sfruttamento dei dati digitali (Smart Data).

 

Già attiva e utilizzata con successo dal 2014 per servizi sperimentali attivati con il “Bando regionale a sostegno di progetti di ricerca e/o sviluppo sperimentale di applicazioni integrate e innovative in ambito IoD” (29 progetti, 15 milioni di finanziamenti erogati a imprese e centri di ricerca), la piattaforma Yucca – SDP ha ricevuto un significativo impulso nell’implementazione dei dati gestiti per effetto della DGR 3-7539 del 7 maggio 2014 che ha permesso il consolidamento delle esperienze tecnologiche regionali in materia di IoT e  Open Data.

Le neo-pubblicate Linee Guida oltre a proporsi come un manuale operativo per l’utilizzo della piattaforma forniscono gli strumenti formali e le indicazioni per aderire, sia per enti pubblici che di diversa natura, all’utilizzo della piattaforma e alla condivisione dei principi dell’open data. La versione attuale sostituisce interamente le precedenti versioni di linee guida regionali in materia di open data, (D.G.R 36-1109 del 30 novembre 2010 e D.G.R. 22-4687 dell’8 ottobre 2012).

Consulta le linee guida e la sezione Normativa di dati.piemonte.it


Tranne per i materiali specificatamente ed espressamente indicati come diversamente tutelati , i contenuti del sito sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribution CC BY 2.5